I PRODOTTI DEBORAH MILANO CONTENGONO METALLI O NICHEL?

29 Ottobre 2014

A questo proposito, è possibile rassicurare i consumatori.

L’Unione Europea vieta l’utilizzo di piombo quale ingrediente nei rossetti e in tutti i prodotti cosmetici. L’uso degli ingredienti presenti nei cosmetici è regolato da rigide norme sia nazionali che comunitarie e i prodotti cosmetici sono soggetti ad analisi scientifiche e stretti controlli di sicurezza prima della loro immissione sul mercato.

L’eventuale presenza di tracce minime e accidentali in questi prodotti non rappresenta alcun pericolo per la salute dei consumatori: si tratta di tracce tecnicamente inevitabili eventualmente presenti in quantitativi irrisori.

Si tenga presente che il piombo è un elemento naturale comune che si può trovare ovunque nell’ambiente, ma non è aggiunto ai cosmetici intenzionalmente. I consumatori sono quotidianamente esposti al piombo ogni volta che mangiano, bevono acqua e respirano aria. La quantità media di piombo alla quale una donna potrebbe essere esposta usando cosmetici è 1.000 volte inferiore rispetto alla quantità con cui verrebbe in contatto mangiando, respirando e bevendo acqua.

È utile sottolineare che il nichel ed alcuni suoi derivati rientrano tra le sostanze proibite e quindi occorre fare riferimento a termini di legge quali nickel tested o nickel free per valutare la correttamente il prodotto.

Tecnicamente è quasi impossibile eliminare del tutto i residui di nichel nel cosmetico finito, ne è quindi tollerata la presenza di tracce  per legge (art. 17 Regolamento 1223/2009).

In quest’ottica, l’informazione nickel free risulta fuorviante in quanto indicativa di una caratteristica che non corrisponde ad un pregio di un prodotto bensì al mero rispetto di una norma di legge. L’informazione nickel free può dunque presentare profili di ingannevolezza: essa si presta ad orientare le scelte d’acquisto del consumatore sull’erroneo convincimento che solo i prodotti etichettati come “nickel free” o simili siano effettivamente privi della sostanza oggetto della dicitura.